Mosaico nel mondo

Chiesa della Moltiplicazione dei pani. Tabgha.

Il mosaico pavimentale risale al tempo della chiesa bizantina del IV sec. La chiesa sorge nel luogo dove avvenne la Moltiplicazione dei pani e dei pesci. Particolare del mosaico.

Mosaico di Lod, non lontano da Tel Aviv, IV secolo d.C.

Lod è l’antica Lydda, colonia greca. Il famoso mosaico appartiene alla corte di una Domus romano-bizantina, nel quartiere benestante della città. Le scene ritratte raffigurano animali da caccia, pesci, vasi e uccelli.

Antica sinagoga vicino Cafarnao. I secolo d.C.

Sotto il pavimento della sinagoga del V sec, viene riportato alla luce un singolare mosaico, rappresentante soldati armati, elefanti da guerra, i postumi di una battaglia, soggetti diversi dalla tradizione bibblica.

Parco Nazionale di Zippori.

Zippori è una antica città della Gallilea, abitata fin in epoca assira. Nelle rovine è possibile vedere l’antico teatro romano, le due chiese paleocristiane, una fortezza crociata e numerose ville. I mosaici sono oltre sessanta e sono databili tra il III e il VI sec. Particolare di mosaico del V sec.

Mosaico bizantino della Chiesa bizantina di Petra. V sec d.C.

Antica città nabatea, Petra diventa cristiana intorno al V sec., la chiesa è in fase di restauro, si suppone che anche le pareti erano ricoperte di mosaici. Particolare del pavimento.

Chiesa di San Giorgio, Madaba. VI sec d.C.

Madaba è considerata la Ravenna della Giordania. L’attrazione principale è il pavimento rinvenuto sotto la Chiesa greco-ortodossa di San Giorgio, raffigurante una grande mappa-mosaico bizantina del VI sec.

Rovine di Umm ar Rasas, Patrimonio dell’UNESCO. III-IX sec d.C.

Gli scavi non sono ancora completati, si trovano testimoniance romane, bizantine e arabe.

Particolare del mosaico pavimentale della Chiesa bizantina di Santo Stefano VI -VIII sec,

Mosaico pavimentale romano ad Alessandria d’Egitto.

Tra gli scavi situati nella città troviamo vari siti di epoca romana. Testimonianze di mosaici databili tra il I sec a.C. e il XI sec d.C.

Basilica del Monastero di S. Caterina, Sinai.

Il mosaico della Trasfigurazione si trova nell’abside, è stato realizzato ne VI sec per volere dell’Imperatore Giustiniano.

Mosaico di Paphos, Teseo uccide il Minotauro II sec d.C

Nel Parco Archeologico di Paphos ci sono numerose testimonianze di ville di epoca romana, con pavimenti a mosaico che vanno dal III al V secolo.

Città di Zeugma. Secoli III a.C. – III d.C.

Fondata nel III sec. a.C., era nota come Seleucia. Vengono trovate varie ville di epoca romana, con mosaici pavimentali raffiguranti scene mitologiche.

Museo Hatay, Antiochia.

Conserva mosaici romani e bizantini, che vanno dal I al V sec. d.C.

Particolare di mosaico romano.

Museo dei mosaici  Misis-Adana.

Mosaico pavimentale dell’Arca di Noè rinvenuto in una Chiesa tardo antica nella città di Mopsuestia, dell’antica Cilicia.

Basilica di santa Sophia a Istambul

Dal 867 al 1356, la basilica si riempie di mosaici. Particolare del Cristo Pantocratore con ai lati l’Imperatore Costantino IX e la moglie Zoe.

Chiesa di San Salvatore in Chora, Istambul

La chiesa risale al IV secolo d. C. Particolare dell’abside, mosaico del XIV sec.

Moschea Sultan Ahmet, Istambul, XVII sec

Viene anche chiamata Moschea Blu, per le 21.000 piastrelle di ceramica turchese inserite nelle pareti e nella cupola.

Museo del Bardo di Tunisi

ha una vasta collezione di mosaici d’epoca romana, che è la più straordinaria e completa del mondo intero. I pavimenti e le pareti sono interamente rivestiti da mosaici.

Kerkouane. III-IV secolo a.C.

Antica città punica, abbandonata durante la prima guerra punica. Particolare di antico mosaico del III sec. a.C. raffigurante la dea Tanit.

El Jem, antica Thysidrus

Numerose testimonianze romane, come l”anfiteatro il terzo più grande dopo quello di Roma e Capua, numerose anche le Ville romane che hanno restituito splendidi mosaici. Particolare di mosaico del II-III sec d.C.

Antica Volubilis, oggi Walili.

Sito archeologico, vari resti di epoca romana. Particolare di mosaico pavimentale del III sec

Museo di Tetouan Tangeri. Custodisce una vasta collezione di reperti romani, tra cui mosaici.

Particolare di un mosaico proveniente da Lixus, Casa di Marte e Rhea Silvia, I sec d.C.

Santuario Montserrat, Catalogna XII-XIII sec.

Mosaici veneziani.

Siviglia, Italica antica città romana. III sec a.C. – VI sec d.C.

Numerosi sono i resti archeologici. Particolare del pavimento della Casa del Planetario del II sec. rappresenta le divinità planetarie che reggevano l’universo e che davano il nome ai giorni della settimana.

Merida, antica città romana.

Particolare del mosaico della Casa dell’Anfiteatro, IV-V sec

Barcellona di Gaudì. Fine 800 inizio 900.

Gaudì da un nuovo volto alla città di barcellona, esponente del modernismo catalano, le sue forme architettoniche si basano su un’elemento fondamentale, la linea curva, che richiama le onde del mare. Famose le sue colorate decorazioni di piastrelle e mosaici colorati.

Nella foto il Parc Guell

Ucetia, antica città romana, Uzès. I sec a. C- VII sec d.C.

Antica città romana della provenza, gli scavi hanno portato alla luce una grande Domus con mosaici risalenti al I sec a.C.

Cattedrale di Notre Dame di Lescar.

Edificata nel XII sec, custodisce la necropoli dei re di Navarra, custodisce uno splendido mosaico romanico con scene di caccia.

Mosaico del centauro. Museo di Orange.

Orange, come Ucetia, fu un’importante città romana, dal I sec d.C., all’interno della città sono ancora visibile resti romani come il teatro e l’Arco di Trionfo.

Mosaico del Museo delle Belle Arti di Nimes

Mosaico policromo romano di grandi dimensioni, si trova nell’atrio del museo, datato II secolo d.C.

Trionfo indiano di Dioniso, Mosaico di Setif.

Il grande mosaico policromo, datato III sec d.C., si trova al Museo Archeologico di Setif, antica città romana, rappresenta la conquista di dell’India di Dioniso, il dio è su un carro accompagnato da un corteo.

Museo di Cherchell

antica Cesarea di Mauretania, prima città fenicia, poi romana. Il museo conserva i reperti rinvenuti dagli scavi archeologici. Vasta collezione di mosaici.

Rovine romane di Conimbriga,

ex città romana della Lusitania, occupata dal II sec. d.C., Le rovine sono ben conservate, si posso ammirare numerosi mosaici.

La Casa dell’Infante, Porto.

Oggi sede di un omonimo museo, i mosaici sono stati rinvenuti sotto un successivo edificio medioevale. Sono datati intorno al II sec. d.C.

Villa romana di Estoi, Milreu.

Originariamente complesso agricolo, intorno al II sec d.C. viene convertito in lussuosa villa, on annesso un grande tempio e bagni. Particolare mosaico dei bagni.

Palazzo di Fishbourne, nel Sussex

Si tratta di un enorme palazzo del I sec d.C., probabilmente governativo, fu distrutto da un incendio. I mosaici sono stati recuperati si trovano nel Museo, si tratta di mosaici di due periodi differenti, a tecnica bianco-nero e policromi.

Shell Grotto di Margate, nel Kent

Chiamata anche “Grotta delle conchiglie”, fu scoperta per caso da un ragazzo nel 1835, che la trovò entrando in una cavità. Le pareti sono ricoperte da milioni di conchiglie disposte in modo da realizzare delle figure a mosaico che evocano simboli orientali e dell’antico egitto. La datazione e l’origine restano ignote.

Villa romana di Boxford, nel Bershire.

Si tratta di una villa di medie dimensioni, il mosaico raffigura il personaggio mitologico  Bellerofonte alla corte di Iobate o Proteo, datato IV sec. d.C.

Mosaico di Apamea, Museo di Bruxelles.

Apamea è un’antica città di origine greca, poi conquistata dai romani, mantiene molte testimonianze, tra cui vari mosaici che decoravano le ville. Mosaico datato IV sec d.C.

Museo di Maarat al-numan

Il museo conteneva un’ampia collezione di mosaici rinvenuti negli scavi archeologici dell’area, oggi il museo è stato distrutto dalla guerra.

Bosra e Palmira

Importanti e antiche città dell’oriente, erano sulle rotte di passaggio delle carovane. I resti del passato, tra cui numerosi mosaici, sono stati distrutti dall’Isis.

Villa romana di Nennig, Treviri.

Datata II-III sec, si tratta di un meraviglioso mosaico di grandi dimensioni, raffigura scene di vita nell’anfiteatro .Particolare di gladiatori.

Cappella di Aquisgrana.

Fatta costruire da Carlo Magno intorno all’800, era la cappella annessa al palazzo imperiale, i mosaici dorati decorano il soffitto e ritraggono il Cristo Pantocratore, in stile bizantino, la pianta della cappella ricorda la Chiesa di San Vitale a Ravenna.

Mosaico pavimentale di Fedro, Berlino

Il mosaico si trova al Museo di Pergamon, mosaico romano del IV sec.

Mosaico di Dioniso, Colonia

Mosaico pavimentale romano risalente al III sec. d.C., è stato rinvenuto vicino al Duomo della città

Opere di Gustave Klimt, Vienna

L’artista amava combinare diverse tecniche artistiche, oltre la pittura arricchiva i dipinti con la tecnica del mosaico.

Cortile in via Ciaykovskiy, San Pietroburgo.

Opera dell’autore Vladimir Lubenko e dei suoi allievi. Il cortile è decorato con mosaici di vetro colorato.

Moschea di San Pietroburgo

Costruita nel 1913, è la più grande moschea d’Europa, è decorata da mosaici i maiolica blu.

Basilica Eufrasiana. Porec,

Nel IV sec la basilica originaria del III sec, venne riadattata e ricoperta di mosaici.

Mosaico della Punizione di Dirce, Pola

Mosaico romano facente parte di una villa, databile tra il II e il III secolo.

Basilica di Arapaj

Risale al V-VII sec, mosaico paleocristiano, rappresenta pastori e scene di caccia.

Fontana Kodra e Diellit, Sunny Hill a Tirana

Fontana contemporanea

Mosaici romani Stara Zagora

Il mosaico romano del IV sec d.C. è stato trovato tra le rovine dell’antica Augusta Traiana. Rappresenta una processione dionisiaca.

Mosaici di Devnya

Il Museo dei Mosaici di Devnya conserva mosaici romani e bizantini rinvenuti negli scavi dell’antica città di Marcianopoli. Particolare: mosaico del III sec d.C.

Plovdiv

Antica città romana, particolare di mosaico pavimentale raffigurante un cervo.

Monastero di Ossios Loukas

Classico esempio di arte bizantina, risale al X secolo, le sue pareti dovevano essere ricoperte di mosaici. Oggi mancano alcune parti, come il Cristo Pantocratore.

 

 

Mosaici di Delos

Particolare di un mosaico all’interno della Casa di Dioniso, rappresenta Dioniso mentre cavalca un felino. II sec. a.C.

Mosaici di Kos,

Kos era un’importante centro epoca greca e poi romana, sono numerosi i resti rinvenuti. Nella foto mosaico del III sec d.C.

Rotonda di San Giorgio, Salonicco,

Inizialmente mausoleo di Galerio, sotto Teodosio il Grande viene adibito al culto degli Arcangeli, in epoca moderna a S. Giorgio. I mosaici risalgono alla fine del IV sec. d.C.

Mosaico romano di Chania, Creta

Il Museo Archeologico di Chania, custodisce numerosi mosaici.

Basilica Paleocristiana di Stobi.

Particolare del mosaico pavimentale del battistero. V sec.

Rovine di Heraclea Lyncestis, vicino Bitola,

Nella foto è il Mosaico del Nartece è in stile paleobizantino. Rappresenta il Paradiso ci sono uccelli, alberi, cervi.

Mosaici di Pella,

I mosaici di Pella sono di ciottoli. Vanno dal V al II sec. a.C., si trovavano nelle case a peristilio. Nella foto La Caccia al Cervo.